menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spiagge libere della Plaia: pulite al mattino, pattumiera la sera

Pulite al mattino e ridotte a pattumiera a fine giornata. E' il triste destino delle spiagge libere della Plaia che, nonostante gli sforzi degli addetti ai lavori, devono fare i conti con alcuni cittadini catanesi poco rispettosi dell'ambiente

Pulite al mattino e ridotte a pattumiera a fine giornata. E' il triste destino delle spiagge libere della Plaia che, nonostante gli sforzi degli addetti ai lavori, devono fare i conti con "l'esuberanza" (chiamiamola così) di molti cittadini poco rispettosi dell'ambiente. Di scuse, in verità, ce ne sono poche. Abbiamo fatto un giro nelle tre spiagge comunali della Plaia e il resoconto, a fine giornata di mare, è impietoso.

In tutti e tre gli stabilimenti comunali, il paiolato in legno che conduce al bagnasciuga, è tappezzato di cestini della nettezza urbana che si trovano anche in prossimità degli ombrelloni e della postazione dei bagnini. Ma nonostante tutto, la spiaggia si trasforma in poco tempo in una pattumiera a cielo aperto.

LEGAMBIENTE, AD ACITREZZA E SAN MARCO IL MARE PIU' INQUINATO

"Noi cerchiamo di fare il possibile per tenere la sabbia pulita ed al mattino passiamo il rastrello per togliere quanta più sporcizia possibile - commenta un operatore della spiaggia libera numero 1 -  però gli incivili ci sono sempre. Ci vorrebbero i vigili anche qui!". Una situazione ben nota anche ai lettori di Cataniatoday, che spesso ci scrivono inviando foto e video sulle condizioni delle spiagge libere. Anche nella spiaggia numero 2, la situazione al mattino è positiva ma, purtroppo, cambia durante la giornata e, in particolare, nel weekend come ci racconta un bagnante: "Dalle bottiglie in vetro e plastica ai piattini, a buste e sacchetti riempiti ed abbandonati nel primo angolo libero. Un vero tappeto di rifiuti insomma a fine giornata".

MARE SICURO 2015, PRESENTATO IL PIANO DELLA CAPITANERIA DI PORTO

Per quanto riguarda la spiaggia numero 3, le strutture a disposizione dei bagnanti non sono nuovissime e sarebbe necessario, pertanto, un restauro capillare per mettere in sicurezza l'ingresso dello stabilimento. Come sottolineato anche dal vicesindaco Marco Consoli e dal'assessore al Mare Rosario D'Agata durante un sopralluogo fatto nei giorni scorsi. Le docce ed i bagni necessitano di un intervento manutentivo ma funzionano e di parcheggiatori abusivi se ne vedono pochi, almeno da queste parti. Bisogna comunque pagare l'ingresso per l'auto (due euro): si riceve in cambio un biglietto regolare. Tutte le spiagge sono comunque raggiungibili anche in autobus con la Linea D dell'Amt.

Per quel che riguarda il servizio di Polizia Municipale, il vicesindaco Consoli, che è anche l'assessore al ramo, ha precisato che il piano che riguarda la zona della Plaia è già operativo ed è modulare in base alla reali esigenze delle varie giornate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Consiglio comunale, seduta straordinaria sull'emergenza Covid

  • Cronaca

    Nuovo furto alla "Campanella Sturzo" di Librino: è il quarto in due mesi

  • Cronaca

    Trasporta in un suv 7 chili di marijuana "skunk": arrestato

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento