rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Cronaca

Il pentito Vincenzo Rosano racconta gli omicidi di mafia irrisolti degli anni '90

Vincenzo Rosano dallo scorso 3 maggio ha iniziato a raccontare ai magistrati diversi fatti di sangue risalenti nel tempo, svelando i particolari di omicidi irrisolti avvenuti negli anni '90 nel territorio di Adrano, i cui autori non erano ancora stati individuati

Le dichiarazioni del nuovo collaboratore di giustizia Vincenzo Rosano entrano nel vivo dei processi scaturiti dalle operazioni "Adrano Libera" e "Impero" della polizia di Stato. Sul banco degli imputato siedono numerosi esponenti del clan mafioso Santangelo-Taccuni di Adrano sono imputati per associazione di tipo mafioso, estorsione, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti (cocaina, eroina e marijuana), svariati reati contro il patrimonio, nonché truffa e falso in danno dell’Inps. Contrariamente al figlio Valerio, che già diversi anni prima aveva scelto di collaborare con la giustizia, Vincenzo Rosano dallo scorso 3 maggio ha iniziato a raccontato ai magistrati diversi fatti di sangue risalenti nel tempo, svelando i particolari di omicidi irrisolti avvenuti negli anni '90 nel territorio di Adrano, i cui autori non erano ancora stati individuati. Le sue dichiarazioni sono adesso al vaglio dei magistrati, che dovranno condurre le indagini per trovare elementi di riscontro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il pentito Vincenzo Rosano racconta gli omicidi di mafia irrisolti degli anni '90

CataniaToday è in caricamento