Sport

Tutto facile per il Foggia, Catania mai in partita: sonoro 3-0

Gli uomini di De Zerbi impongono la loro superiorità tecnica per tutti i 90 minuti. Moriero prova a resistere agli attacchi dei padroni di casa, gettando nella mischia 4 centrali puri in difesa. Nella ripresa cambia assetto, ma la musica non cambia

Gli uomini di De Zerbi impongono la loro superiorità tecnica per tutti i 90 minuti. Il Foggia batte 3-0 il Catania. I rossazzurri, a pari punti con il Monopoli, sono, in virtù degli scontri diretti, ancora fuori dalla zona play-out. La prestazione offerta oggi non lascia però segnali positivi in vista del futuro. Moriero prova a resistere agli attacchi dei padroni di casa, gettando inizialmente nella mischia 4 centrali puri in difesa. Nella ripresa cambia assetto, ma la musica non cambia.

MORIERO E L'EFFETTO SORPRESA. Modulo speculare quello scelto dal tecnico rossazzurro che nonostante l'assenza di Calil propone un 4-2-3-1 a specchio con gli avversari, il Foggia di De Zerbi, che con il passare dei minuti dimostrano però di avere una trazione decisamente anteriore, mentre gli etnei attendono nella propria metà campo, senza riuscire quasi mai a ripartire in contropiede.

LE PAGELLE

La scelta di rinunciare alla spinta di Garufo e Nunzella, inserendo sulle fasce due centrali come Pelagatti e Bergamelli, è sintomatica delle intenzioni di Moriero, il quale prova in questo modo a limitare la verve offensiva di Iemmello e compagni. I primi 45 minuti non sortiscono gli effetti sperati nella mente dei rossazzurri i quali si schiacciano troppo lasciando il pallino del gioco in mano al Foggia. Troppo lunghi e sfilacciati i reparti, con Lupoli isolato in avanti e in mezzo al campo, l'assenza di un vero e proprio playmaker, rende difficile la gestione della sfera. I tanti giocatori offensivi messi in campo dal tecnico etneo non riescono a garantire la spinta offensiva sperata. Il gol al minuto 13 siglato da Floriano dopo un tiro di Sarno respinto dai legni sancisce una superiorità territoriale del Foggia per tutti i primi 45 minuti. Parziale di 1-0 e Catania a testa bassa negli spogliatoi.

SI TORNA AL 4-3-3: LA MUSICA NON CAMBIA. Moriero getta nella mischia Musacci e ripropone un modulo più equilibrato in campo. Va fuori Lupoli, con Calderini che si piazza nel ruolo di centravanti. Nei primi 20 minuti la squadra sembra riuscire ad arginare le sortite offensive di Iemmello e compagni. E' solo un'illusione, perchè superata una momentanea flessione, la squadra di De Zerbi alza nuovamente l'asticella di gioco e sferra un 1-2 devastante, firmato Iemmello- Agnelli, che affossa definitivamente le speranze del Catania.

La prossima gara interna contro la Lupa Castelli vale una stagione e gli uomini di Moriero avranno il tempo per prepararla a dovere.

TABELLINO FOGGIA-CATANIA 3-0 (14' Floriano- Iemmello 73'- Agnelli 76')

Foggia (4-2-3-1): Narciso; Loiacono, Coletti, Gigliotti, Di Chiara, Agnelli, Vacca, Chiricò, Sarno, Floriano (52′ Gerbo), Iemmello

Catania (4-2-3-1) (4-3-3 nel secondo tempo): Liverani;, Pelagatti (62′ Garufo), Bergamelli, Ferrario, Bastrini, Di Cecco, Castiglia, Falcone, Russotto, Calderini; Lupoli (46′ Musacci). 

Ammoniti: Lupoli, Bergamelli

Espulsi: nessuno

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tutto facile per il Foggia, Catania mai in partita: sonoro 3-0

CataniaToday è in caricamento