menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rugby: partita decisiva quella di sabato al Monti Rossi

La partita di sabato a Nicolosi sarà come una finale nella volata salvezza. Inoltre, la società etnea chiarisce la sua posizione in riferimento ai contributi regionali previsti dall'ex Tabella H

Sull’onda dell’entusiasmo della vittoria storica contro i campioni d’Italia in carica del Petrarca Padova, il San Gregorio Catania arriva a grandi falcate ad un’altra sfida decisiva che vale il campionato. La squadra di Arancio sabato, per il sedicesimo turno del torneo d’Eccellenza, ospiterà la rivale diretta Reggio Emilia in quella che si può definire una vera e propria finale per la conquista della salvezza.

Si giocherà ancora una volta a Nicolosi (inizio alle ore 16:00), teatro proprio della splendida affermazione contro la compagine che porta sul petto il tricolore.
Galvanizzati dal ritorno al successo gli etnei sanno bene di avere a disposizione un’occasione irripetibile per rilanciarsi ulteriormente ed abbandonare l’ultimo posto in classifica. Per i verdeblù conterà solo la vittoria, dato che proprio il Rugby Reggio, appaiato ai Crociati in penultima posizione, precede in classifica il San Gregorio di tre lunghezze.

La situazione in zona salvezza si è fatta ancor più intricata dopo l’ultimo turno di campionato che ha rimescolato le carte anche in zona play off. Nelle ultime tre giornate, peraltro, saranno numerosi gli incroci testa-coda in cui nessuna squadra può abbassare la guardia o comunque rilassarsi. Se nonostante l’impresa col Petrarca lo svantaggio degli etnei è rimasto invariato, al tempo stesso va sottolineato come il San Gregorio (16 punti) abbia comunque accorciato il distacco nei confronti delle altre pretendenti alla permanenza in Eccellenza: Reggio Emilia e Crociati vantano tre punti in più in graduatoria (19), mentre L’Aquila e Mantovani Lazio sono a +6 (22). Nulla, dunque, è ancora deciso nella parte destra della classifica, con cinque squadre ancora in piena lotta.

Il San Gregorio Catania spera di giocare un brutto scherzo al Reggio, anticipando di 24 ore il canonico “pesce d’aprile”. In caso di vittoria le chance salvezza degli etnei aumenterebbero vertiginosamente anche in virtù di un calendario più agevole soprattutto rispetto ai Crociati, mentre San Gregorio e Reggio si alterneranno gli avversari nelle ultime due gare (Mantovani Lazio e Mogliano).

Per la delicata sfida salvezza del “Monti Rossi” è stato designato il signor Damasco (Napoli). Gli assistenti saranno Sironi (Colleferro) e Reale (Bari); quarto uomo Masetti (Roma).

Nel contempo è arrivata la convocazione in nazionale Seven per l’etneo Stefano “Tito” Montanelli. L’ala del San Gregorio parteciperà al raduno di Roma, dall’1 al 3 aprile, agli ordini dei tecnici Marco De Rossi e Luca Martin.

In questi giorni convulsi per le sorti del campionato, la società San Gregorio Catania Rugby ci tiene a chiarire la sua posizione dopo la delibera del Governo regionale in riferimento ai contributi previsti dall’ex Tabella H. Nella giornata di ieri sulle pagine del quotidiano “La Sicilia” era apparsa la notizia errata che lo stanziamento previsto per le società rugbistiche catanesi ammontasse alla cifra totale di 200.000,00 €. Così in realtà non è, in quanto il contributo stanziato per il San Gregorio Catania Rugby dalla Regione Siciliana, in vista della prossima stagione sportiva, è pari a 70.000,00 €, ciò susseguente alla delibera dello stesso Consiglio regionale.

 

Come società San Gregorio Catania Rugby – ha sottolineato il vicepresidente Rosario Torrisici teniamo innanzitutto a ringraziare il presidente On. Raffaele Lombardo e l’intero Consiglio regionale per i contributi messici a disposizione. Rispetto all’anno scorso abbiamo però registrato una decurtazione pari a 50.000,00 €, tale cifra non appare sufficiente per poter rappresentare al meglio il rugby siciliano ai massimi livelli, specie in un periodo di crisi economica come quello attuale. Il campionato d’Eccellenza supporta dei costi notevoli che senza l’aiuto cospicuo dei privati non riusciremo a sostenere. Intanto auguriamoci di assicurarci sul campo la permanenza tra le dieci big della palla ovale nazionale.”
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Pancia piatta? Ecco il massaggo fai-da-te

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento