Cronaca

Coronavirus, poco più di mille i nuovi contagi in Sicilia: +231 a Catania

Sono stati oltre 17 mila i tamponi processati, tasso di positività del 6,4%. Pressoché invariata la situazione negli ospedali rispetto a ieri, sette i decessi nelle ultime 24 ore. Solo il 55,2% dei siciliani risulta immunizzato con la doppia dose di vaccino rispetto a una media italiana del 62,2%

Foto Ansa

Meno contagi rispetto ai giorni precedenti, ma la Sicilia - fanalino di coda per numero di vaccinati - resta prima in Italia per numero di casi giornalieri e numero di ricoverati. E' una coincidenza? In tanti pensano di no. Ma passiamo ai dati del bollettino di oggi: i nuovi contagi sono 1.097 su 17.082 tamponi processati, con un tasso di positività del 6,4%. 

Ancora vittime: sono 7 le vittime nelle ultime 24 ore, mentre in ritardo la Regione rende noto che tra i decessi comunicati in data odierna 4 sono deceduti 24 agosto, 1 il 23, 2 il 22 e uno giorno 20. Negli ospedali la situazione resta invece pressocché invariata rispetto ieri: i ricoverati in regime ordinario sono 752 (+1 rispetto a ieri), mentre le terapie intensive occupate diventano 103 (+1) con 9 nuovi ingressi. 

I guariti sono 478, mentre gli attuali positivi diventano 26.110 (+604). Resta Palermo la provincia più colpita con 254 casi, poi c'è Catania (231), Messina (35), Siracusa (139), Ragusa (12), Trapani (131), Caltanissetta (96), Agrigento (84), Enna (115).

Vaccinazioni, Sicilia fanalino di coda in Italia

La Sicilia - secondo fonti del Ministero della Salute - resta fanalino di coda in Italia per vaccinazioni. Solo il 55,2% della popolazione risulta immunizzato con la doppia dose di vaccino rispetto a una media italiana del 62,2%. Le persone in attesa della seconda dose sono l'8,4%, mentre il dato più preoccupante è quello delle persone senza neanche una dose: il 36,3%, contro una media italiana del 29,3%. Come dire che più di un siciliano su tre non è ancora vaccinato.

Per quanto riguarda le fasce d'età la popolazione over 50 che non ha ricevuto nessuna dose di vaccino è pari al 19,6% (media Italia 12,9%), mentre la fascia di giovani 12-19 anni che non ha ricevuto nessuna dose di vaccino è pari al 52% (media Italia 46,9%). Fino ad oggi sono complessivamente 5.597.547 (dati governo.it) le dosi somministrate, che corrispondono all'87,5% delle dosi consegnate (6.397.337). In percentuale ha fatto peggio solo la Calabria con l'84%. Rispetto al target di popolazione, i capoluoghi di provincia in cui si registra la più bassa percentuale di vaccini in tutte le fasce d'età sono Catania, Siracusa e Messina, le più "virtuose" sono invece Agrigento, Palermo e Ragusa che hanno superato con Enna il 72%. Bene anche Trapani e Caltanissetta.

Razza: "Turismo e non vaccinati hanno causato alta circolazione del virus"

In Sicilia "l'80% dei ricoverati non è vaccinato" e queste persone "oggi sono pentite, ma non si sono vaccinate quando avrebbero potuto e dovuto. La Sicilia, grazie a Dio, è stata letteralmente invasa da un flusso turistico proveniente da ogni parte d'Italia e del mondo e quindi paghiamo l'effetto di una grande circolazione del virus". Lo afferma l'assessore ala Salute della Regione Siciliana, Ruggero Razza, in una dichiarazione al Tg5. "Abbiamo il dovere di chiedere a quella percentuale di cittadini siciliani che non si è sottoposta al vaccino di fare come la maggioranza, che invece lo ha fatto: questa minoranza non può consentirsi di decidere le sorti di tutti gli altri". L'Isola da lunedì potrebbe passare in zona gialla per via del peggioramento dei parametri legati al Covid-19.

Il Covid in Italia

 Il bollettino di oggi giovedì 26 agosto 2021 fa registrare 7.221 nuovi casi su circa 220 mila tamponi e 43 decessi. Il tasso di posività si attesta al 3,3%. Ieri i contagi erano stati 7.548, mentre i test analizzati 244.420. In lieve aumento i ricoverati con sintomi, +36, e i pazienti in terapia intensiva, +4. Le persone attualmente positive al virus sono 137.057, con un incremento di 1.333. Rispetto alle ultime due settimane c'è stato un lieve peggioramento, ma siamo sostanzialmente in una situazione di plateau. Casi tra lunedì e giovedì: questa settimana 25.013; scorsa settimana 23.369; due settimane fa 24.074.

E a partire da lunedì 30 agosto due regioni potrebbero tingersi di giallo. Sicilia e Sardegna rischiano infatti seriamente il primo cambio di colore, considerando che tutta Italia è in zona bianca dalla fine di giugno, a causa del peggioramento della situazione epidemiologica. L'Iss baserà la propria decisione sui dati settimanali, con un occhio però ai numeri pubblicati quotidianamente da Agenas. 

Coronavirus, il bollettino di oggi giovedì 26 agosto 2021

Nuovi casi: 7.221 (ieri 7.548)
Totale casi: 4.509.611
Tamponi (antigenici e molecolari): 220.872
Attualmente positivi: 137.057, +1.333
Ricoverati con sintomi: +36, totale 4.059
Ricoverati in Terapia Intensiva: +4, totale 503
Ingressi in terapia intensiva: 38
Deceduti dopo Covid test positivo: 43
Totale deceduti: 128.957
Totale Dimessi/Guariti: 4.243.597, +5.839

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, poco più di mille i nuovi contagi in Sicilia: +231 a Catania

CataniaToday è in caricamento