Amichevole Siracusa-Catania, aggressione a cinque carabinieri

La partita giocata giovedì sera dal Siracusa col Catania non è stata proprio amichevole. Una cinquantina di teppisti, alcuni dei quali arrivati da Palermo, hanno voluto trasformare a tutti i costi l'evento in una battaglia

La partita giocata giovedì sera dal Siracusa col Catania non è stata proprio amichevole. Una cinquantina di teppisti, alcuni dei quali arrivati da Palermo, hanno voluto trasformare a tutti i costi l'evento in una battaglia. Il loro scopo era arrivare allo scontro coi tifosi del Catania e siccome non ce l'hanno fatta, anche perchè dal capoluogo etneo di tifosi rossoazzurri ne sono arrivati appena una ventina, se la sono presa con le forze dell'ordine. Nella zona di via Torino, dove c'è l'ingresso dello stadio che era stato riservato ai tifosi catanesi, c'è stata una sorta di imboscata di una cinquantina di teppisti a un gruppetto di carabinieri, che vista la disparità di forze, ha avuto la peggio.
 
Sono stati lanciati sassi e bottiglie, una delle quali ha colpito al volto un militare. A un carabiniere è stato sottratto il tonfa, una sorta di manganello utilizzato durante i servizi d'ordine pubblico. Cinque militari sono finiti in ospedale con contusioni e ferite non gravi, giudicate guaribili tra i quattro e i dieci giorni.
Ma non tutti gli aggressori l'hanno fatta franca. Ne sono stati identificati ed arrestati tre. E tutto fa pensare che altri li seguiranno in carcere con le accuse di oltraggio e lesioni a pubblico ufficiale e rapina.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento