Pescara-Catania, probabili formazioni: formazione tipo, nessun infortunio

Marcolin ha tutti a disposizione per la trasferta allo stadio Adriatico Cornacchia. Ancora in campo gli stessi undici: 4-3-1-2 e tandem offensivo formato da Calaiò e Maniero. Castro e Martinho armi da sfoderare a partita in corso

Catania pronto a invertire la rotta in trasferta. Proverà a farlo domenica alla 15 in casa del Pescara. La gara che si disputerà allo stadio Adratico Cornacchia è un banco di prova importante per gli uomini di Marcolin, chiamati a portare a casa la prima vittoria esterna del campionato. Sono al momento 2 i punti raccolti lontano dal "Massimino" in ben 11 gare. Una statistica che la squadra rossazzurra, dopo gli innesti del mercato invernale, è pronta a cancellare.

Di Fronte un Pescara che in casa non ha un rendimento esaltante. A differenze degli etnei, molto più prolifici tra le mura amiche, la compagine allenata da Baroni ha conquistato 3 vittorie interne, mentre sono 4 le sconfitte rimediate.

QUI CATANIA. Formazione tipo quella che scenderà in campo. Nessuna assenza o defezione. Marcolin sembra infatti intenzionato a confermare gli stessi 11 titolari delle ultime 3 gare. Castro e Martinho ancora armi da sfoderare a partita in corso.

PROBABILI FORMAZIONI PESCARA-CATANIA

Pescara (4-4-2): Fiorillo, Zampano, Salamon, Zuparic, Rossi; Politano, Memushaj, Selasi, Bjarnason; Melchiorri, Pasquato

Catania (4-3-1-2): Gillet, Belmonte, Schiavi, Ceccarelli, Mazzotta, Rinaudo, Sciaudone, Coppola, Rosina, Calaiò, Maniero

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento