Pessimo inizio di campionato, Pulvirenti: "Vogliamo tornare subito in A e ci riusciremo"

Il presidente Nino Pulvirenti si dice sicuro delle potenzialità del suo Catania. Tornato a incontrare la stampa nel centro sportivo di Torre del Grifo dopo un lungo periodo in posizione defilata, il patron rossazzurro rilancia

"Vogliamo tornare subito in A e ci riusciremo": nonostante un pessimo avvio di campionato e il penultimo posto nella classifica di Serie B dopo otto giornate, il presidente Nino Pulvirenti si dice sicuro delle potenzialità del suo Catania. Tornato a incontrare la stampa nel centro sportivo di Torre del Grifo dopo un lungo periodo in posizione defilata, il patron rossazzurro rilancia.

"Nei miei undici anni alla guida del Catania - ricorda Pulvirenti - ho sempre illustrato con chiarezza i programmi del club e altrettanto e' accaduto nella scorsa estate, quando abbiamo detto che puntavamo all'immediata risalita in A. Resto convinto che abbiamo uno squadrone e che torneremo nella massima serie. Puo' capitare di cominciare male una stagione, ma abbiamo le carte in regola per rispettare il programma e raddrizzare il campionato". "I troppi infortuni? Abbiamo cambiato tutto quel che c'era da cambiare - assicura il presidente etneo - in termini di uomini e attrezzature per garantire una preparazione adeguata ai nostri giocatori. La gestione di qualche acciaccato, vedi Calello, probabilmente non e' stata ottimale, ma se il calcio non e' un terno al lotto alla fine il lavoro svolto verra' fuori. La mancata comunicazione delle condizioni degli indisponibili? Puo' esserci stata un po' di confusione, interverremo per evitare che si ripeta".

Pulvirenti replica anche ai fischi piovuti dalla curva, in occasione della sconfitta interna con il Bari. "Che senso ha contestare Cosentino? Contestino me - dice il numero uno del club rossazzurro - perche' sono io ad avergli dato l'incarico di amministratore delegato. Vedo lavorare Pablo 18 ore al giorno, ritengo sia un dirigente valido che puo' fare benissimo a Catania. Ai nostri diecimila abbonati chiedo di restare vicini alla squadra, solo cosi' possiamo raggiungere i risultati prefissati. Il battibecco tra Leto e Sannino? Non dico che non ci siano giocatori che hanno sbagliato, certi gesti non passano inosservati. Prenderemo provvedimenti".

Smentito un possibile arrivo di Giorgio Perinetti, avvistato in tribuna contro il Bari ("Era solo uno spettatore"), e rinviato ogni discorso di mercato ("A gennaio faremo le nostre valutazioni"), Pulvirenti cancella le voci su una possibile cessione della società.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

  • Coronavirus, registrate complicanze neurologiche nei bambini coinvolti

Torna su
CataniaToday è in caricamento