Spolli salta il Parma. Bergessio: "Dobbiamo subire meno gol"

Dopo la scoppola rimediata a Bologna, Maran apprende dell'infortunio di Nicolas Spolli: il difensore argentino salterà il Parma. In sala stampa, intanto, Bergessio "catechizza" i suoi compagni

Dopo il sonoro 0-4 rimediato al Dall'Ara di Bologna domenica, il Catania è tornato ieri al lavoro per preparare al meglio la prossima partita di campionato, quella che vedrà arrivare al Massimino il solido Parma di Roberto Donadoni. Dopo la consueta riunione tecnica, la truppa rossoazzurra ha cominciato la sessione vera e propria con venti minuti di attivazione in campo agli ordini del preparatore atletico a cui è poi seguita una fase di cura del possesso palla in funzione di alcuni obiettivi, ossia occupazione degli spazi e finalizzazione. Per chiudere, infine, sfida in famiglia con le porte collocate sulle linee laterali: sette i gol siglati in totale e realizzati da Izco, Morimoto, Almiron e Sciacca(squadra gialla), Bergessio, Ricchiuti e Potenza(squadra arancione). Gli uomini non impiegati da Maran al "Dall'Ara" hanno svolto una sessione di lavoro atletico supplementare. Da segnalare che alla seduta non ha preso parte Spolli: il difensore argentino, infatti, è rimasto fermo per via del risentimento muscolare accusato domenica contro il Bologna e salterà anche il Parma visto che il possente centrale ha riportato la lesione di primo grado all'adduttore della coscia destra.

Ieri, intanto, è stato il turno di Gonzalo Bergessio in sala stampa: l'ex attaccante del Saint Etienne, infatti, è tornato a commentare la gara del Dall'Ara di domenica. Secondo il numero nove rossoazzurro alla compagine etnea manca la regolarità: "Prima di tutto - spiega il bomber sudamericano - dobbiamo arrivare ad una regolarità che ci porti a fare risultato anche fuori casa, dove facciamo fatica. A Bologna abbiamo giocato trentacinque minuti di buon livello e poi abbiamo commesso tanti errori che hanno inciso in maniera decisiva sul risultato finale. Testa alla prossima, adesso, nella consapevolezza di dover lavorare tanto per non sbagliare ancora e trovare le soluzioni giuste: dobbiamo essere più concreti e non prendere tanti gol, tutti abbiamo le stesse responsabilità". Bergessio, poi, parla della prossima sfida, quella di domenica al Massimino contro il Parma, e degli obiettivi rossoazzurri: "Abbiamo la squadra giusta per giocare allo stesso modo contro le formazioni più forti della nostra e contro quelle del nostro livello, quindi adesso archiviamo una partita sfortunata. Il Parma è avversario tosto: per vincere servirà la partita perfetta. Credo - aggiunge Bergessio - che il Catania possa andare oltre la salvezza ma è importante arrivare alla salvezza, appunto, prima di sviluppare altri discorsi. Dovremo essere tutti più concentrati: a Bologna, non abbiamo fatto quello che ci ha chiesto il mister. Le critiche? Quelle costruttive sono sempre positive: non potevamo certamente ricevere complimenti dopo un risultato così".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento