Tokyo 2020, qualificazione Italia volley femminile passa da Catania: "Occasione di rilancio"

L’assessore allo sport di Catania, Sergio Parisi, parla di “rinascita della città anche attraverso lo sport”

Catania ospiterà le gare del girone di qualificazione dell’Italia di volley femminile alle olimpiadi di Tokyo 2020. Un evento di prestigio nazionale che ha mobilitato la macchina organizzativa del territorio etneo. Nella giornata di oggi la presentazione ufficiale, nella Sala Giunta di Palazzo degli Elefanti, dell’evento che andrà in scena dal 2 al 4 agosto. Un momento fondamentale dal punto di vista sportivo, ma anche un’occasione unica per il tessuto economico e turistico della società catanese.

Guarda il video

Gli onori di casa del sindaco Salvo Pogliese rendono ben chiaro il quadro generale e la cornice di un appuntamento così rilevante: "Evento di fondamentale importanza per il percorso agonistico della squadra di volley femminile ma soprattutto per la nostra città. Lo sport svolge molteplici funzioni, pedagogica, ma anche di promozione di una realtà territoriale. Basti pensare come durante i tre giorni le partite della nazionale italiana verranno trasmesse in prima serata dalla Rai. Un evento di una valenza fondamentale per il nostro territorio" 

E’ di questi giorni la notizia dell’emendamento "salva Catania" con i fondi in arrivo per aiutare i comuni metropolitani in dissesto. In quest’ottica la presenza della nazionale di Itavolley, guidata dal tecnico Mazzanti, rappresenta agli occhi dell'amministrazione comunale una nuova e ulteriore occasione di rilancio per la città: "Credo che Catania possa imboccare un percorso di rinascita grazie a quello che il governo nazionale a livello centrale sta realizzando in questa fase e anche lo sport può svolgere – precisa il sindaco Pogliese - un ruolo altrettanto fondamentale in termini di marketing territoriale". L’assessore allo sport Sergio Parisi ha ulteriormente delineato l’importanza della componente sportiva per ridare lustro alla città di Catania entrata da tempo in una fase di dissesto finanziario. Parisi parla di “rinascita”. “Rinascita che passerà anche dal rilancio dell’attività sportiva - precisa l’assessore allo sport del Comune di Catania - e dal rilancio della nostra impiantistica sportiva. Lo sport è il fiore all’occhiello della nostra città e le nostre squadre sportive, i nostri atleti e i nostri dirigenti sportivi hanno sempre portato ottimi risultati”. L’impianto che ospiterà le gare di qualificazione delle azzurre del girone F, composto da Olanda, Kenya, Belgio e Italia, sarà il PalaCatania. 

La scelta della Sicilia come luogo e teatro delle sfide della nazionale italiana rappresenta un’investitura importante come si evince dalle parole di Davide Anzalone, consigliere federale Federvolley e referente del comitato organizzatore dell’evento: "Sottolineo come tutta la Sicilia sta rispondendo e dimostrando la voglia di fare sport ad alto livello. Non si tratta della festa di un'unica città, ma un momento significativo per tutta regione. Abbiamo già venduto diverse migliaia di biglietti fino ad ottenere quasi il massimo della capienza a distanza di 2 mesi dall’evento".

La macchina organizzativa si dipana in vari livelli a partire da quello regionale. Il presidente Fipav Sicilia Giorgio Castronovo ha sottolineato l’importanza del lavoro fatto "dietro le quinte". “La presenza di tutti i presidenti territoriali rende idea dello spessore dell’evento. Noi lo facciamo nostro dal punto di vista organizzativo con la regia del presidente Giuseppe Gambero. Vogliamo che sia una festa dello sport". Il “cuore” dell’organizzazione è quello del comitato territoriale di Catania. Il presidente del comitato etneo, Giuseppe Gambero, ha ulteriormente sottolineato con forza l’azione delle varie componenti istituzionali e sociali nel catanese, una spinta importante per realizzare al meglio l’evento a livello territoriale: “Ringrazio amministrazione comunale e tutti gli uffici preposti che ci hanno permesso di restituire agli sportivi catanesi l’impianto del PalaCatania. Sarà un bel colpo d’occhio. Fce ci darà sostengo dal punto di vista logistico e anche l’azienda metropolitana trasporti. Un ringraziamento va poi a tutti coloro che stanno lavorando assiduamente e ringrazio tutti i presidenti territoriali"

La scelta di Catania ha un perché non molto lontano. Il calore mostrato dalla città in occasione del match amichevole tra Italia-Australia, under 14, andato in scena al PalaCatania l’anno scorso, si è trasformato in una cartolina decisiva per l’assegnazione del girone di qualificazione alle Olimpiadi. Il presidente nazionale della Fipav, Bruno Cattaneo, lo ha svelato con entusiamo aggiungendo. "Io vengo molto volentieri qua. Sono state dette cose importamti, dal turismo sportivo, al fatto di poter dimostrare che si possono fare manifestazioni di alto livello e dal punto di vista organizzativo ovunque in italia. Da milanese vi dico che è una grande soddisfazione organizzare questo evento qui. Ho apprezzato il calore e la spontaneità del pubblico in occasione della gara disputata dalla nazionale maschile a Catania lo scorso anno".

“Le Olimpiadi sono una cosa molto seria  e partecipano solo 12 squadre – spiega ancora Cattaneo - Chi come noi è in Europa non avrà vita facile per aggiudicarsi la qualificazione sono infatti ben 55 i paesi aderenti a differenza di altri continenti dove il discorso qualificazione si gioca solo tra poche compagini. E’ molto difficile quindi raggiungere la meta. Organizzare in casa le qualificazioni e avere il pubblico dalla propria parte può rivelarsi un tassello in più. La federazione ha fatto un investimento importante e lo abbiamo fatto con la consapevolezza di fare una cosa importante. Catania ospita uno degli eventi clou della stagione. L’anno scorso siamo arrivati secondi al campionato del mondo e vogliamo strappare il pass per Tokyo 2020 adesso. L’invito è a tifare tutti insieme Italia".


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale, auto si schianta contro spartitraffico: 4 morti

  • Strage dopo una serata in discoteca, nessuno indossava la cintura di sicurezza

  • Operazione dei carabinieri contro capi clan e affiliati dei “Santapaola-Ercolano”: 31 arrestati

  • Reddito di cittadinanza e falsa disoccupazione: indagata la neomelodica Agata Arena

  • Incidente stradale a Piano Tavola, 4 morti: Procura apre inchiesta

  • Operazione "Black Lotus", alla sbarra 31 affiliati del clan Santapaola-Ercolano

Torna su
CataniaToday è in caricamento