Caos serie B, sospese le partite del Catania fino a data da destinarsi

Stessa sorte tocca a Pro Vercelli, Ternana, Novara e Siena, le altre squadre coinvolte nel marasma dei possibili ripescaggi, ipotesi questa tornata in auge dopo le ordinanze del Tar che ha accolto le istanze presentate contro la serie b a 19 squadre

Martedì 30 ottobre, ore 11. Sarà questa la data nella quale il Consiglio Federale si riunirà per decidere le sorti del campionato di serie B. L'annuncio arriva dopo la sentenza del Tar del Lazio e la decisione della Lega di B di impugnarla al Consiglio di Stato.

A convocare il Consiglio Federale per martedì 30 ottobre ci ha pensato il neoeletto presidente federale, Gabriele Gravina: "Chi pensa di riportare in capo a questa governance la responsabilità dell'attuale situazione sul format del campionato di Serie B, la cui gravità è sotto gli occhi di tutti, così come ben evidenziato dalle ordinanze del TAR del Lazio, ha sbagliato indirizzo. A tal proposito - ha precisato Gravina - ho deciso di convocare tempestivamente il Consiglio Federale (martedì 30 ottobre alle ore 11,00), unico organo statutariamente competente per decidere".

Sempre in giornata è arrivata poi l'ufficialità del rinvio delle gare delle squadre coinvolte nel possibile ripescaggio, tra cui il Catania. La Lega Pro, si legge nella nota ufficiale, "dispone di sospendere, fino a data da determinarsi, le gare delle società Catania, Novara, Pro Vercelli, Robur Siena, Ternana, Virtus Entella e Viterbese"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento